Vaccini, perchè si

Articoli in libertà

In tutta sincerità trovo assurdo dover anche solo porsi il problema che da mesi e anni si dibatte dentro e fuori la politica ossia vaccini si o vaccini no.

Il movimento “no vax” si basa su ignoranza e preconcetti né più né meno che tutti coloro che dietro ad ogni cosa vedono ipotesi complottistiche. Ma ciò che mi preme sottolineare non è solo l’aspetto sanitario che dovrebbe essere evidente,  ma un ulteriore aspetto che al contrario vedo che viene trattato poco o niente: l’aspetto legale.

Coloro che sono contro i vaccini sostengono di avere diritto alla libertà di scelta, sostengono che la democrazia consiste nella libertà di poter fare o non fare e altri bla bla bla del piffero. I no vax forse oltre a non essere adeguatamente informati sui vaccini in quanto tali non sono nemmeno informati sul funzionamento dei diritti e dei doveri nel nostro ordinamento giuridico. Ignorano completamente il principio del neminem laedere che è a fondamento del nostro ordinamento e significa in soldoni e per i non addetti ai lavori ( soprattutto no vax) che tutti sono tenuti a NON ledere la sfera giuridica altrui poiché in caso contrario sono dolori….e si incorre in pene pecuniarie e non solo. Detto in parole poverissime i miei diritti finiscono dove iniziano i tuoi e detto ancora più semplicemente se tu non vuoi vaccinare tuo figlio te lo tieni a casa , in casa e non lo fai uscire perchè se lo mandi a scuola non vaccinato in quanto la tua testa contiene le scimmie urlatrici anziché il c.d sale in zucca e malauguratamente contagia mio figlio che immunodepresso non ha potuto vaccinarsi per te caro no vax sono guai e guai seri perchè portando la questione alle estreme conseguenze se ipotizziamo il decesso di mio figlio per colpa del tuo ( ossia per colpa tua che ne sei il genitore purtroppo) io ti faccio una causa civile e penale per omicidio e chi non ci crede è pregato di consultare un legale e di fargli alcune domande. La prima riguarda ad esempio il valore giuridico dell’autocertificazione ( per partire dall’inizio…) perchè è bene sapere che l’autocertificazione non è un foglietto sul quale scarabocchiare il sole e le casette ma è un documento che deve attestare il vero al pari di un atto pubblico e poiché viene presentato ai professori che sono pubblici ufficiali la questione si complica, pertanto chi volesse fare il furbo ( che in Italia non mancano mai) e dichiarare il falso pensando che si tratti di una copia ben riuscita di un quadro di Modigliani sappia che incorre in qualche periodo nelle patrie galere.

Poi chiedete al vostro legale di fiducia cos’è il dolo eventuale, ossia cosa succede se voi, consapevoli di non aver vaccinato vostro figlio, lo mandato ugualmente a scuola sapendo bene che ci può essere una elevata probabilità che contagi altri bambini. Accettate così, voi genitori no vax  il rischio che vostro figlio sia un untore e che possa cagionare danni ad altri e addirittura la morte, perchè cosa incredibile nel 2018 , ci sono bambini morti di morbillo il che significa che il virus è tutt’altro che eradicato.

Sapete cari no vax perchè non si vaccina più per il vaiolo? Grazie alle mamme come la mia che negli anni ’70, molto più intelligenti e sagge di voi vaccinavano contro il vaiolo senza bisogno di un obbligo perchè guardate un pò avevano l’umiltà di pensare che forse il medico ne sapeva di più di loro e ad oggi il vaiolo è completamente eradicato tanto che, appunto, non è più necessaria la vaccinazione.

Purtroppo siamo scivolati nell’era della peggiore disinformazione mai vista a causa della troppa informazione. Può sembrare un ossimoro ma non  lo è. Consultare internet per andare a cercare le conseguenze dei vaccini è da dementi perchè a meno che tu non sia un massimo esperto in materia con molta probabilità considererai alla stessa stregua una ricerca farlocca e una da premio Nobel.

Ma questioni mediche a parte io resto nel mio campo e sottolineo ciò che viene troppo poco evidenziato dai mezzi di comunicazione ovvero che prima del diritto allo studio c’è il dovere di non danneggiare gli altri con le proprie scelte, con i propri c.d. diritti perchè il mondo e il mondo democratico non è fatto solo di diritti ma anche di doveri pertanto ribadisco: chi non vuole vaccinare, liberissimo ma deve a quel punto isolare il proprio figlio dal  mondo perchè tutti gli altri hanno il DIRITTO a che non venga compromessa la loro salute da scelte incoscienti e scellerate e auspico un severissimo controllo delle autocertificazioni e un rigore assoluto e tassativo di non fare entrare nelle scuole i bambini non vaccinati.

Così gira il mondo: il mio diritto finisce dove inizia il tuo.

Tags

Premere ESC per chiudere